venerdì 28 novembre 2008

Dicevamo...

"Neve che cadeva su ogni punto dell'oscura piana centrale, sulle colline senza alberi; cadeva piana sulle paludi di Allen e più a occidente sulle fosche onde rabbiose dello Shannon. E anche là, sul cimitero deserto in cima alla collina dove era sepolto Michael Furey. S'ammucchiava alta sulle croci contorte, sulle tombe, sulle punte del cancello e sui roveri spogli. E l'anima lenta gli svanì nel sonno mentre udiva la neve cadere lieve su tutto l'universo, lieve come la discesa della loro ultima fine su tutti i vivi, su tutti i morti"

J. Joyce • Dubliners

giovedì 27 novembre 2008

Agua

Agua
bebo agua y la siento dentro de mi

mientras como y como siempre pago mi cuenta
bebo el agua y la siento detro de mi
me lava cuando me siento sucio por dentro
lava mis dudas, las lleva lejos de aqui
tengo sed y esta compania no me sacia mas
bebo el agua y la siento dentro de mi

vino
bebo y lo siento dentro de mi

asi olvido me olvido u te olvido
bebo este vino y lo siento dentro de mi
sube el calor comienzo a cambiar de humor
nedan mis penas, nunca se va a ahogar
pero se vuelve de color rojo y me gustan mas asi
bebo este vino y lo siento dentro de mi

veneno
bebo y lo siento dentro de mi

la negacion de mi que ya no piedo aceptar
siento mi veneno dentro de mi
en este vaso que llevo hasta mis labios
un gesto de amor, el sabor del mar
no me quedan fuerzas para seguir aqui
siento mi veneno dentro de mi


Niccolò Fabi

...veneno
bebo y lo siento dentro de mi...

Grazie

Quello che conta tra amici non è ciò che si dice, ma quello che non occorre dire.

Albert Camus

mercoledì 26 novembre 2008

La foglia caduta si agita...

La foglia caduta si agita e vola via col vento. Non diversamente io vorrei volare, andarmene, partire per non più tornare, e non importa dove, pur di lasciare il mio paese. La mia casa mi pesa sulle spalle: sono troppe volte entrato e uscito dalla stessa porta, ho tante volte alzato gli occhi allo stesso punto, sul soffitto della camera, che dovrebbe essersi ormai consumato.

Gustave Flaubert • Novembre

lunedì 24 novembre 2008

Micro vacanza finesettimanale

• Panna, radicchio, ricotta e noci litigando con la caldaia.
• Mara vs Caldaia 1-0!
• Un risveglio che sa di vacanza.
• Iris e ranuncoli.
• "scabriolè"... l'estate col capotto.
• Spesa d'ordinanza... e non! ;)
• Caccopusso sul piede... sulla zampa di guerra.
• Incontri speciali!
• Cornetto e cappuccino... colazione prêt-à-porter!
• Forchetta e cucchiaio "On Ear"
• Calzini teschiati nuovi... le buone abitudini non vanno perse!
• Taxi!
• Il classico inatteso.
• Non c'è tempo per morire... e se lo scrive lui...
• Me "soppresso"... co l'aio.
• Ste porte le chiudiamo? Sta zente ga e tende casa!!!

-----------

• Grazie dei fior...
• Tenerina rulez!!!
• Tante... troppe cose che no.
• Una notte movimentata... incubi come se piovesse. Un solo sogno... il più importante forse... spero si avveri come capita alle volte. Se fosse così sarebbe tutto passato e staresti bene.

-----------

La neve è una poesia. Una poesia che cade dalle nuvole in fiocchi bianchi e leggeri. Questa poesia arriva dalle labbra del cielo, dalla mano di Dio. Ha un nome. Un nome di un candore smagliante. Neve.


Maxence Fermine

venerdì 21 novembre 2008

Sante Nicola


E’ arrivato il nostro dicembre
di luci e di attese
di comignoli e calze appese
in una stazione ovattata di neve
il tuo arrivo leggero
nel cuor della notte
attorno a un bidone di fosforo
e luce di fuoco fatato
E’ arrivato guaiendo
con una stola di cani randagi
ed una scatola di cerini
e lumini accesi
Sante Nicola ci ha portato
in dono le parole
per parlarci e scaldarci
il cuore
che poverta’ non sapersi parlare
e vedersi passare
vicini e muti
chiusi nel rancore
La pioggia si è fatta neve
e non ferisce ma bagna
e come manna morbida
ci consola..
Sante Nicola
ci ha portato parole incartate
e scritte e parlate
per dircele davvero
queste parole d’amore
Nel silenzio che ci aveva vinti
silenzio di anni
per quanto freddo e ghiaccio
ci fosse nel cuore..
Sante Nicola ci ha portato
in dono le parole
per spiegarci e scaldarci
come castagne e vino
tenerci vicino
La pioggia si è fatta neve
e non ferisce ma bagna
e ha portato parole
scritte e parlate
per quanto groppo e freddo ci fosse nel cuore..
Sante Nicola ci ha portato in dono
le parole per scaldarci e trovarci ancora


Vinicio Capossela

giovedì 20 novembre 2008

Biancaneve moderna


Pallida e lunare, due occhiali scuri per proteggersi dagli altri... nella speranza di rimanere inviolati...
bocca carminio, rossetto che sa di buono... per ostentare una sicurezza che non c’è.

Whenever there’s a chance
Cherry blossom girl

mercoledì 19 novembre 2008

Post-it del caso

• Soddisfatta della nuova nuance dai riflessi ciliegia.
• Serata fredda... Finalmente odore di inverno. Stretta fra sciarpa e cappotto il microcosmo della macchina è decisamente confortevole e rassicurante.
Persa nei pensieri trasalgo... E' finita /La nostra favola, è finita. / Semplice e tragico / è finita tutto qua... mh... un sorriso... tutto qua.
• Sogno di una mattina di metà novembre...
nel melting pot automobilistico della tangenziale spunta fiera una Fiat 1100 color caffelatte con dei passeggeri alquanto strani... Fiori e piante coloratissimi... E un simpatico nonnetto alla guida.Deliziosi!

martedì 18 novembre 2008

Contemplo

Contemplo il lago silenzioso
che la brezza fa rabbrividire.
Non so se penso a tutto
o se tutto mi dimentica.
Nulla il lago mi dice
né la brezza cullandolo.
Non so se sono felice
né se desidero esserlo.
Tremuli solchi sorridono
sull'acqua addormentata.
Perché ho fatto dei sogni
la mia unica vita?


F. Pessoa • Canzoniere

20.10


É bastato fare due passi sotto la pioggia. Il temporale sembrava musica.
Malessere... preoccupazione... i vestiti impregnati di sensazioni negative...

è svanito tutto
un sospiro... di quelli profondi... liberatori

venerdì 14 novembre 2008

19,00 circa

Gli odori, i suoni, i colori hanno un forte potere evocativo. Una vietta stretta mentre piove, un brivido di freddo e quell’ immagine compare dal nulla... Sento tutto come se fossi scivolata indietro e mi ritrovo li. Un pugno diretto nello stomaco che non lascia spazio alle parole.

La bambina Vudù

La sua pelle è un panno bianco
Ricucito da ghirigori di fili neri,
molti spilli colorati
nel suo cuore son puntati. […]

giovedì 13 novembre 2008

Appunti disordinati di viaggio

• Sbagliando si impara... e puntualmente si fanno gli stessi errori.
• Alle volte gli incubi si avverano.
• Questo è il prezzo da pagare quando sai cavartela sempre... da sola.

mercoledì 12 novembre 2008

...

Ci saranno squarci nello spazio
che diano su un’altra parte.


F. Pessoa

martedì 11 novembre 2008

Croce e delizia

Il principio di ogni arte è l’amore; valore e dimensione di ogni arte vengono soprattutto determinati dalle capacità d’amore dell’artista.
Herman Hesse

venerdì 7 novembre 2008

Lateral thinking

C'è stato un momento... relativamente lungo... in cui ci ho quasi creduto. Ho pensato davvero di poter rimescolare le carte per far tornare i conti in modo da trovare del posto. Adesso tutto mi sembra lontano e ingiallito... salvo per qualche particolare che ancora mi viene a trovare di tanto in tanto. Ci ho pensato e mi basta questo.

Si ha paura di mille cose, dei dolori, dei giudizi, del proprio cuore, del risveglio, della solitudine, del freddo, della pazzia, della morte... specie di questa, della morte. Ma tutto ciò è maschera e travestimento. In realtà c'è una cosa sola della quale si ha paura: del lasciarsi cadere, del passo incerto, del breve passo sopra tutte le assicurazioni esistenti. E chi una volta sola si è donato, chi una volta sola si è affidato alla sorte, questi è libero. Egli non obbedisce più alla legge terrena, è caduto nella spazio universale e partecipa alla ridda delle stelle.

Hermann Hesse

"Love will tear us apart"

Isolation

In fear every day, every evening,
He calls her aloud from above,
Carefully watched for a reason,
Painstaking devotion and love,
Surrendered to self preservation,
From others who care for themselves.
A blindness that touches perfection,
But hurts just like anything else.

Isolation, isolation, isolation.

Mother I tried please believe me,
I’m doing the best that I can.
I’m ashamed of the things I’ve been put through,
I’m ashamed of the person I am.

Isolation, isolation, isolation.

But if you could just see the beauty,
These things I could never describe,
These pleasures a wayward distraction,
This is my one lucky prize.

Isolation, isolation, isolation...

Joy Division

mercoledì 5 novembre 2008

...

Chi vuole guardare bene la terra deve tenersi alla distanza necessaria.

Il barone rampante • Italo Calvino

martedì 4 novembre 2008

Per esempio...

www.violenza124.com

http://www.myspace.com/violenza124


DAL 31 OTTOBRE DISPONIBILE ON LINE SU VIOLENZA124.com

Violenza 124 è un’opera strumentale e multistilistica costruita su sette intepretazioni diverse della stessa idea musicale montate e assemblate tra loro a rappresentare la violenza. Il progetto ideato e prodotto da Niccolò Fabi è stato realizzato con il coinvolgimento di Mokadelic, Olivia Salvadori & Sandro Mussida, Boosta, Roberto Angelini, gli Gnu Quartet e la Artale Afro Percussion Band. Ai sei colleghi musicisti Niccolò Fabi ha fornito ’la cellula’, un’unità musicale minima ma con un carattere sufficientemente preciso da essere ispirante, chiedendo loro di darne un’interpretazione in base al proprio stile. Le sei voci e la cellula originale sono state poi mixate in completa libertà da Fabi dando vita così ad una rappresentazione musicale unica e originale. ’Violenza 124’ sarà disponibile in un doppio disco, che contiene sia l’opera unica che le 7 tracce separate, dal 31 ottobre su www.violenza124.com dove sarà possibile scaricarlo in formato mp3 o prenotarlo nella sua versione cd.

Piove

"...Piove, ma dove appari
non è acqua né atmosfera,
piove perché se non sei
è solo la mancanza
e può affogare."


Eugenio Montale

lunedì 3 novembre 2008

Anacronisticità


Fare le pulizie di primavera in un grigio lunedì mattina di novembre...
No fa na piega!