martedì 31 marzo 2009

Trendsetter


E così va a finire che mi ritrovo anche a fare prodotto...
E vedere i miei vaneggi in vendita nei negozi...
Trendsetter?! Ah... Me vien da ridere!!!
Soprattutto sto periodo... sembro appena uscita una centrifugata in lavatrice!

Spetta che rido va!!!

lunedì 30 marzo 2009

Dopo c’è il sole...


Una stagione dopo l’altra... un giorno, dopo un altro... e un altro ancora...
l’immagina è sempre più sfuocata. Non mi ricordo più il suono della voce...
e mi dimentico...

venerdì 27 marzo 2009

Le piccole cose

Di solito “le piccole cose” sono quelle che ti rendono felice... un sorriso sincero, un gelato al volo, un muso peloso che ti guarda perplesso.
Le piccole cose però fanno anche male. La sensibilità non è cosa comune, soprattutto di questi tempi... e devo dire che nonostante di persone insensibili, false e opportuniste ne abbia conosciute più di qualcuna... a questo schifo non ci si abitua mai... Ogni volta fa male comunque.

grazie

giovedì 26 marzo 2009

A DO RO!!!!


Una carezza... tenerissima! Mi son innamorata!!!
... che se ci penso mi commuovo ancora.
L’ennesimo capolavoro del maestro Miyazaki.

venerdì 20 marzo 2009

TGIF


Altro incubo... un inedito, decisamente angosciante e grottesco... Alla fine mi son fatta pure una gran risata.
Un risveglio con la giusta dose di ansia per affrontare male questa giornata.
Vado in camera, ci sono ancora i due palloncini del mio compleanno. Si stanno sgonfiando lentamente, e stamattina sapeva proprio di agonia. Così ho deciso... Via! Aprire la finestra e osservarli volare via, senza meta, complice il vento che sa del giorno dopo la pioggia primaverile... liberi.... è stata la cosa più bella. Sono arrivata in ritardo... Ma chissene!

Wake up slow
Are you passing by
The age of reels
Is going back till the end
Slowly move never ending love
Trough hte moody siin of your life...

martedì 17 marzo 2009

La brum del m ha un pss nella m...


... e noi l’ aggiusteremo con il chewin-gum

Quale colonna sonora potrebbe essere più adatta per musicare la mia ultima.... si ultima buco le gomme come se piovesse @##@]!!! ... la mia ultima foratura!!!
Arrivo a casa e faccio il fatale errore di dirlo al mio augusto padre... l’inizio della fine. Mosso da una solerzia inusuale, armato di pinza e pila stile CSI, si fionda sulla gomma pronto a fare tutte le verifiche del caso... se non fosse che "innavertitamente" strappa il rivetto/vite/chiodo, utile a sorreggere un bisonte obeso vista la dimensione, facendo così uscire l’aria dalla gomma! "Metti un deo qua che go perso el toco"... le ultime parole famose...
Perso l’aggeggio nei sassi... ho passato 30 minuti a sempre col dito incastrato nella fessura della gomma... tentando di spiegare a simpatico ometto che nel bagagliaio c’era un allegro kit che dicono serva in questi casi... ma NO! NO SERVE!!!
Meglio "avvitare" un’altra vite nel foro "e doman te ve dal gommista"!!!

Risultato!? 1 ora dal gommista perchè il solerte babbo mi ha forato due volte la gomma infilando la vite...
son soddisfazioni!!!

lunedì 16 marzo 2009

Post-it del caso


Tre giorni davvero così... ricchi di tante cose. Tre giorni di quelli che ti fanno fare i grandi pensieri della vita, quelli che a me vengono così bene. Ascolto attenta i racconti... quanto egoista può risultare l’essere umano. Tutto proteso verso il proprio scopo, la maggior parte delle volte il più banale, nella corsa non si accorge di quello che travolge. Quando incontriamo qualcuno inevitabilmente influiamo su di lui, sulle sue scelte... sulla sua vita; alle volte l’effetto è irrilevante è vero, ma altre è addirittura decisivo. La cosa aberrante è rendersi conto della leggerezza con cui alcuni si muovo non curanti degli altri presi in un moto di egoismo assoluto. Spesso consci del danno che vanno compiendo... sanno di ferire ma continuano comunque. La sofferenza arriva quando ti rendi conto di non essere così, di essere diametralmente opposto... disgustato da questo vacuo balletto ricco di di inutili orpelli messi li per distrarre. La sofferenza arriva quando vieni travolto, preso alle spalle, privo di possibilità di difesa. Entro in una piccola stanza pregna di storia, di musica, di vita. Ascolto cose nuove... Musique concrète... un’ispirazione. Quanta vitalità, proprio quando... dove... non dovrebbe esserci. Nuovi punti di vista in b/n. Stamattina il ciliegio sul ciglio della strada era in fiore.

venerdì 13 marzo 2009

La Differenza

Voi non capirete mai
però io capisco e sto male
voi non lo vivrete mai
però io lo vivo e non so
giudicare la differenza
tra un dolore e un premio speciale

voi non vi spezzate mai
però siete sempre più chini
voi non vi fermate mai
però io mi fermo e non ho
che una rosa di sconfitte
da infilare nelle vostre fitte

d’un sottile sgualcito episodio
ho investito una vita nell’odio
mentre gli altri gridavano “grazie”
io dicevo “mbeh”
nella mia piccola e dolce assenza
ho trovato una fragile essenza

voi non vi ferite mai
però non avete che lame
voi non sverrete mai
però se svenite non so
consolare la mia distanza
dal patibolo di essere normale

negli umori più neri del cuore
ho cucito il mio dolce splendore
dove gli altri osavano troppo
io venivo colliso
nella mia piccola e dolce assenza
mi son dato alla mia differenza


Alessandro Grazian

giovedì 12 marzo 2009

Cercando di raggiungere chi...

Ascolto il vento, lui arriva sempre con qualcosa di nuovo da dire... Da dare. Sulla scia della magia di ieri sera, una voce, suoni che sanno di ricordi e favole. Passeggiare per le viette sventolando un foglio testimone dell’ennesima figuraccia... Ma fa così ridere se ci pensi. Una scaletta con un “disegnetto”

...al vento avrebbe detto sì.

lunedì 9 marzo 2009

Esprimendo un desiderio... 06/03_19.07... Col delay

Primo gelato dell’anno, dal mio gelataio preferito. Sotto un vecchio terrazzino, scende qualche goccia, stretta fra sciarpa e cappotto.
Guardo la gente che passa... Tanti piccoli mondi che si sfiorano.
Che freddo...
ma che meraviglia!

venerdì 6 marzo 2009

On Air...

Sfiorivano Le Viole

L'estate che veniva con le nuvole rigonfie di speranza
nuovi amori da piazzare sotto il sole
il sole che bruciava lunghe spiagge di silicio
e tu crescevi, crescevi sempre più bella
fiorivi sfiorivano le viole
e il sole batteva su di me
e tu prendevi la mia mano
mentre io aspettavo
i passi delle onde che danzavano sul mare a piedi nudi
come un sogno di follie venduto all'asta
la notte quella notte cominciava un po' perversa
e mi offriva tre occasioni per amarti e tu
fiorivi sfiorivano le viole
e il sole batteva su di me
e tu prendevi la mia mano
mentre io aspettavo
il sole che bruciava bruciava bruciava bruciava
e tu crescevi crescevi
crescevi più bella più bella
fiorivi sfiorivano le viole
e il sole batteva su di me
e tu prendevi la mia mano
mentre io aspettavo te mentre io oh ye aspettavo te
si lavora e si produce si amministra lo stato
il comune si promette e si mantiene a volte
mentre io oh ye aspettavo te
il marchese La Fayette ritorna dall'America
importando la rivoluzione e un cappello nuovo
mentre io oh ye aspettavo te
ancora penso alle mie donne quelle passate
e le presenti le ricordo appena
mentre io oh ye aspettavo te
Otto von Bismarck-Shonhausen per l'unità germanica
si annette mezza Europa
mentre io aspettavo te
Michele Novaro incontra Mameli e insieme scrivono un pezzo
tuttora in voga mentre io oh ye aspettavo


Rino Gaetano

giovedì 5 marzo 2009

... si viaggiare...

E così per non farci mancare nulla salta fuori anche la gita "fuoriporca" per portare delle cose ad un cliente...

al casello "SCIOPERO DEL PERSONALE"... autostrada GRATIS!!!!

... inutile tentare di raccontare lo sforzo sovrumano fatto dalla sottoscritta per non tirare un dritto e arrivare tipo a ferrara in tempo per mangiare un piatto di tortellazzi da Riccado... tipo... questa e altre millemila opzioni.

dalla radio arriva il "premio di consolazione"... inaspettato e graditissimo...

Head Over Feet

I had no choice but to hear you
You stated your case time and again
I thought about it

You treat me like I’m a princess
I’m not used to liking that
You ask how my day was

You’ve already won me over in spite of me
Don’t be alarmed if I fall head over feet
And don’t be surprised if I love you for all that you are
I couldn’t help it
It’s all your faults

Your love is thick and it swallowed me whole
You’re so much braver than I gave you credit for
That’s not lip service

You’ve already won me over in spite of me
And don’t be alarmed if I fall head over feet
And don’t be surprised if I love you for all that you are
I couldn’t help it
It’s all your faults

You are the bearer of unconditional things
You held your breath and the door for me
Thanks for your patience

You’re the best listener that I’ve ever met
You’re my best friend
Best friend with benefits
What took me so long

I’ve never felt this healthy before
I’ve never wanted something rational
I am aware now, I am aware now

You’ve already won me over in spite of me
And don’t be alarmed if I fall head over feet
And don’t be surprised if I love you for all that you are
I couldn’t help it
It’s all your faults

You’ve already won me over in spite of me
And don’t be alarmed if I fall head over feet
And don’t be surprised if I love you for all that you are
I couldn’t help it
It’s all your faults

Alanis Morissette

... colori


I colori, come i lineamenti, seguono i cambiamenti delle emozioni.
P. Picasso

Sto rimettendo un pò di ordine... partendo dai colori... matite, acrilici, acquerelli. L’emozione di scartare e trovare cose che parlano di me. Un segno!? ... suggerimento sussurrato... ricominciare.

mercoledì 4 marzo 2009

... la pioggia mi piace


Sogno un cimitero di campagna e io là
all’ombra di un ciliegio in fiore senza età
per riposare un poco 2 o 300 anni
giusto per capir di più e placar gli affanni...