lunedì 26 aprile 2010

Pochi minuti fa

Sono state poche le volte che stavo così bene da desiderare di voler fermare il tempo. Proprio poche. Al massimo lo volevo fermare per limitare i danni... o ritardare l'arrivo del lunedì. Prima mi suona il cell, esco in terrazza perchè la tv accesa faceva troppo casino. Mentre dall'altra parte del ricevitore eravamo già ai saluti mi son resa conto, nell'istante in cui chiudevo, che avrei voluto restare eternamente li. La sera appena arrivata, spinta da un vento tiepido,tutto intorno la calma. L'acero in giardino è di una bellezza imbarazzante. Ha la forza dei colori del tramonto e la leggerezza di un fiore. Nemmeno l'esplosione rosa delle azalee riesce a sminuirlo. Intorno solo i suoni della campagna di questa stagione. Come ogni meraviglia dura solo un'istante. Il tempo di un sogno ad occhi aperti.

Nessun commento: