giovedì 1 marzo 2012

Stasera anche le stelle passano inosservate

A volte servirebbe avere come scusa l'ultima sigaretta
per rimanere fuori e finire il discorso che si è cominciato.
Mi ha osservata per tutto il tragitto servendosi di alberi e case
come fossero maliziosi ventagli dai quali fare capolino.
Una taglio dorato nel cielo, quasi una ferita nel blu profondo.
Stasera anche le stelle passano inosservate in confronto a lei.

O falce di luna calante
che brilli su l'acque deserte,
o falce d'argento, qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù!

Aneliti brevi di foglie,
sospiri di fiori dal bosco
esalano al mare: non canto non grido
non suono pe 'l vasto silenzio va.

Oppresso d'amor, di piacere,
il popol de' vivi s'addorme...
O falce calante, qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù!

G. D'Annunzio

Nessun commento: